avvocato condominio roma

Al Condominio si applica la disciplina a tutela del consumatore

Il Condominio quando stipula contratti deve essere considerato un consumatore: questo l’approdo della Corte di Cassazione con rilevanti conseguenze sulla validità delle clausole contrattuali spesso apposte nei contratti necessari alla gestione della vita condominiale. In particolare si pensi ai contratti tra il Condominio e le aziende che curano la manutenzione degli impianti elevatori, della pulizia …

Al Condominio si applica la disciplina a tutela del consumatore Leggi tutto »

L’impugnazione delle delibere dell’assemblea condominiale

In questi giorni dell’anno in cui sono frequenti le riunioni delle assemblee condominiali spesso sorgono dubbi e contestazioni in merito a quanto da approvarsi ed in merito all’operato degli amministratori condominiali. Innanzi tutto è necessario che l’assemblea sia preceduta dall’avviso di convocazione, che deve essere comunicato con almeno 5 giorni d’anticipo. Questo deve contenere oltre le …

L’impugnazione delle delibere dell’assemblea condominiale Leggi tutto »

L’azione per l’annullamento di una delibera dell’assemblea condominiale

Di seguito si riporta il modello di un atto di citazione con il quale ottenere l’annullamento di una delibera di assemblea condominiale adottata in difetto della maggioranza prescritta dalla legge. Per conoscere i principali presupposti un’azione di questo tipo si rimanda al seguente post http://www.avvocatocivilistaroma.it/limpugnazione-delle-delibere-dellassemblea-condominiale/  ___________________________________________ Tribunale di _______ Atto di citazione per impugnazione di deliberazione dell’assemblea …

L’azione per l’annullamento di una delibera dell’assemblea condominiale Leggi tutto »

Il contratto plurilaterale con il quale, in materia di comunione ereditaria, si determina lo scioglimento uniltaterale della quota di uno dei coeredi non configura accordo di divisione e  non necessita, pertanto, della partecipazione di tutti i contitolari.  

              La questione principale affrontata da Cass. 9-10-2013, n. 22977, verte sulla validità o meno di un accordo di scioglimento unilaterale, vale a dire nei confronti di un singolo erede, della comunione ereditaria concluso, tuttavia, senza la partecipazione di tutti gli altri coeredi. Com’è noto lo stato di comunione …

Il contratto plurilaterale con il quale, in materia di comunione ereditaria, si determina lo scioglimento uniltaterale della quota di uno dei coeredi non configura accordo di divisione e  non necessita, pertanto, della partecipazione di tutti i contitolari.   Leggi tutto »

× Apri una chat WhatsApp
Torna su