REATO DI DIFFAMAZIONE AVVOCATO

Reato di diffamazione: come denunciare e cosa fare

Vittima di diffamazione o hai ricevuto una denuncia per aver diffamato qualcuno: potresti avere bisogno di un avvocato a Roma o Milano.

Oggi i social concedono a tutti la possibilità di esprime la propria opinione, permettono di dare libero sfogo ai propri pensieri anche in momenti di rabbia e di sconforto, proprio per questo sono strumenti che devono essere utilizzati con attenzione perché offendere un’altra persona su un social può costare caro.

Il reato di diffamazione

La diffamazione è un reato contro la persona, più in particolare è un delitto contro l’onore previsto dall’articolo 595 c.p.

Dal punto di vista strettamente giuridico l’elemento oggettivo consiste nell’offendere una persona in sua assenza davanti ad una molteplicità di persone, in modo da diffondere un’immagine negativa del diffamato assente.

L’elemento soggettivo è il dolo generico è quindi sufficiente la volontà dell’agente di adoperare espressioni offensive verso altri, con la consapevolezza del discredito che da tale condotta ne deriva.

La giurisprudenza è costante nel ritenere che l’offesa perpetrata per mezzo dei social network configura l’ipotesi aggravata del delitto di diffamazione prevista al terzo comma dell’art. 595 c.p.

Quando una frase può considerarsi diffamatoria?

Dobbiamo premettere che non è facile stabilire preventivamente quando una frase o una parola può essere considerata diffamatoria, questo perché molto spesso il singolo episodio può vedere coinvolti altri diritti che trovano pari tutela all’interno dell’ordinamento come il diritto di cronaca e quello di credito.

Sicuramente non è possibile definire truffatore o ladro un professionista o un medico oppure non è possibile etichettare una signora come rovina famiglie.

Cosa fare in caso di diffamazione tramite social network

I social devono essere utilizzati con attenzione perché permettono di raggiungere un numero illimitato di persone, per la giurisprudenza hanno la stessa portata di un quotidiano.

Quindi la pubblicazione di una frase offensiva verso una persona, un’istituzione, una società o persino un ristorante può integrare la fattispecie di diffamazione aggravata prevista dall’art. 595, comma terzo, c.p.

Questo significa che una dichiarazione diffamatoria sui social può comportare la piena responsabilità penale dell’autore.

Quale pena per la diffamazione?

Il delitto di diffamazione è punibile a querela della persona offesa, può essere applicata l’art. 131 bis c.p. che esclude la punibilità per particolare tenuità del fatto e l’imputato per questo reato può accedere all’istituto della messa alla prova.

La diffusione di un post diffamatorio è sanzionata con la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni o la multa non inferiore a € 516.

Quale avvocato per la diffamazione?

La diffamazione è un reato per il quale, come abbiamo visto, è prevista una sanzione penale.

Ma la diffamazione è anche il illecito a cui la legge abbina il diritto del diffamato al risarcimento del danno.

Questo significa che dove la persona che ha subito la diffamazione pretenda il risarcimento del danno, può chiedere soddisfazione in sede civile contro l’autore, e nel caso di diffamazione a mezzo stampa è possibile agire contro l’editore, contro il direttore del giornale e contro l’autore dell’articolo.

In altri casi è possibile ottenere il diritto all’oblio e alla cancellazione delle proprie informazioni dal web.

Se cerchi un avvocato o uno studio legale che si occupi di diffamazione a Roma o Milano contattaci per una prima consulenza senza impegno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp