avvocato per crisi sovraindebitamento

La procedura di composizione della crisi da Sovraindebitamento

Cerchi un avvocato per la procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento?

Sei in uno stato di crisi o insolvenza? Non riesci più a pagare le rate dei finanziamenti, cessione del quinto, mutuo, agenzia delle entrate, mantenimento ex moglie o altre?

Se anche tu ti trovi attualmente in questa situazione è possibile che tu possa avvalerti della procedura di sovraindebitamento.

Si tratta di un istituto previsto ad hoc per i soggetti meglio specificati all’interno dell’art. 2 lett. c) d.lgs. n. 14/2019: “lo stato di crisi o di insolvenza del consumatore, del professionista, dell’imprenditore minore, dell’imprenditore agricolo, delle start-up innovative […] e di ogni altro debitore non assoggettabile alla liquidazione giudiziale ovvero a liquidazione coatta amministrativa o ad altre procedure liquidatorie previste dal codice civile o da leggi speciali per il caso di crisi o insolvenza”.

Alla luce di quanto sopra esposto il piano di ristrutturazione dei debiti si applica al consumatore che si trovi in uno stato di sovraindebitamento quindi una situazione di crisi o di insolvenza. Inoltre, ai sensi dell’art. 69 comma 1 d.lgs. n. 14/2019 è richiesto che il debitore sia meritevole e che non abbia pertanto determinato il sovraindebitamento per colpa grave o dolo.

Questi sono i requisiti di carattere sia oggettivo che soggettivo necessari ai fini dell’instaurazione della procedura, di seguito ne è spiegato sinteticamente l’iter che il richiedente dovrà osservare.

La domanda di accesso ad una procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento deve essere proposta dal debitore con il patrocinio di un avvocato a pena di nullità: quest’ultima è una novità significativa dedotta dalla recente giurisprudenza in materia, ex multis Trib. Mantova decisione del 12/7/2018. 

La domanda deve essere presentata al Tribunale competente, quello in cui il debitore ha la residenza, con il deposito della proposta che deve rispondere ai requisiti di ammissibilità prescritti dalla legge. L’accordo di composizione della crisi e piano del consumatore possono dirsi compiuti solo a seguito dell’omologazione da parte del giudice.

Ma proviamo a rispondere ad alcune delle domande più frequenti:

Tutti possono fare ricorso alla procedura di sovraindebitamento?

No, possono fare ricorso alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento solo coloro che abbiano i requisiti previsti dalla legge e che si trovino in una condizione di meritevolezza, nonché coloro che tramite la procedura possano assicurare una soluzione condivisibile e ragionevole anche ai propri creditori.

Come si svolge la procedura di sovraindebitamento?

Sarà innanzi tutto opportuno rivolgersi ad un avvocato che si occupi di diritto bancario o fallimentare, lo studio legale curerà la redazione della domanda all’organismo di composizione della crisi (a Roma abbiamo quello dell’Ordine degli Avvocati e sempre a Roma abbiamo quello dell’Ordine dei Commercialisti), con il quale verrà redatto il piano di composizione della crisi, per poi ottenere l’approvazione da parte del tribunale.

Quanto costa la procedura di sovraindebitamento?

La procedura ha dei costi che spesso possono essere significativi ed in buona parte debbono essere anticipati dal debitore, il che ha spesso costituito un ostacolo all’utilizzo di questo strumento che tuttavia può assicurare enormi vantaggi.

Se hai un altro problema di diritto bancario, invece, leggi la nostra guida.

Se possiedi i requisiti sopra esposti e vuoi instaurare la procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento e hai bisogno di un avvocato contattaci per una prima consulenza senza impegno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp