avvocato diritto famiglia roma

La modifica dell’assegno di mantenimento: le condizioni di separazione e divorzio

La crisi economica innescata dall’emergenza Coronavirus sta causando anche la modifica delle condizioni di separazione 2020 -2021 e del mantenimento. La pandemia sta provocando la riduzione dell’assegno di mantenimento Covid. Una situazione difficile, per cui può essere molto utile la consulenza di un avvocato per ridurre l’assegno di mantenimento.

La Modifica delle condizioni di separazione o divorzio

La situazione economica già delicata è stata aggravata dalla pandemia, che sta costringendo tanti italiani a fare dolorosi sacrifici. La riduzione dei redditi ha portato molti ex partner a richiedere la revisione delle condizioni di separazione o di divorzio, con la conseguenza della possibile riduzione dell’assegno di mantenimento. Può esserti utile conoscere le nuove procedure low cost in materia di separazione, divorzio e modifica delle condizioni di mantenimento. Inoltre i nuovi scenari potrebbero avere ripercussioni anche per quanto riguarda l’adozione del figlio da parte del nuovo coniuge dell’ex moglie/marito.

L’assegno divorzile

Ci sono due aspetti da prendere in considerazione nella modifica delle condizioni di separazione nel 2020 e nella modifica del mantenimento. Il primo riguarda l’assegno divorzile. Le decisioni di revisione degli assegni sono in aumento anche perché i giudici stanno rivedendo il concetto del tenore di vita nella quantificazione del contributo. L’assegno divorzile ha il compito di assicurare all’ex un contributo per colmare la disparità tra le condizioni reddituali di marito e moglie, da valutare in ottica futura.

Modifica mantenimento

Il secondo aspetto riguarda l’assegno di mantenimento. In questo caso non si registrano cambi di rotta da parte dei giudici, con la natura di questo strumento che resta legata agli obblighi di sostegno assunti con il matrimonio e che restano validi, nonostante la separazione. Si registrano, comunque, delle modifiche sul piano dell’entità del contributo, dettata dalle oggettive condizioni reddituali delle parti, ora, con il Paese in difficoltà a causa della pandemia. Risulta quindi prezioso rivolgersi all’avvocato per ridurre l’assegno di mantenimento. Si ricorda che il mantenimento può essere modificato per motivi sopravvenuti, come le mutate condizioni reddituali dei coniugi: è facile immaginare come categorie professionali debbano vedere nel 2020 i propri redditi completamente annullati o notevolmente ridimensionati (si pensi ai ristoratori, ai baristi, ai lavoratori dello spettacolo e alle tante altre professioni colpite dai vari lockdown).

Quando possono cambiare le condizioni di mantenimento a seguito di separazione o divorzio?

Le condizioni si separazione o divorzio sono sempre suscettibili di essere modificate al ricorrere di un presupposto.

Questo presupposto è il modificarsi della situazione di fatto per motivi sopravvenuti.

Significa che i motivi che potevano essere portati all’attenzione del Tribunale al momento della separazione o del divorzio e:

  1. non sono stati oggetto delle difese delle parti in corso di causa;
  2. non sono state oggetti di prova in corso di causa;
  3. pure portati in causa all’attenzione del Giudice, non sono stati valutati determinanti ai fini del decidere;

Non possono formare oggetto di richiesta di modificazione delle condizioni di mantenimento.

Se invece, dopo la causa di separazione o di divorzio, o ancora di regolamentazione dei rapporti per i minori nati fuori dal matrimonio, le cose sono cambiate, allora si può ragionare sulla possibilità di una modifica.

Un fatto sopravvenuto possono essere i mutamenti dei redditi delle parti, come ad esempio dopo l’emergenza Covid19, come spieghiamo qui.

L’importanza dell’assistenza legale in materia di famiglia

Ci sono diverse questioni da chiarire ed approfondire, che rendono quindi molto utile, se non indispensabile, l’assistenza legale.

Grazie alla consulenza di un avvocato è infatti possibile verificare la modifica delle condizioni di separazione, la modifica del mantenimento per il Coronavirus o la riduzione dell’assegno di mantenimento  a causa del Covid.

La modifica del mantenimento per la maggiore età dei figli

Con il raggiungere della maggiore età i figli non perdono automaticamente l’assegno di mantenimento, essendo necessario che gli stessi raggiungano l’autosufficenza economica.

L’obbligo di mantenimento con la maggiore età permane con dimostrazione che i figli stanno seguendo un percorso di studio, o che non possono procurarsi un reddito.

I figli perdono il diritto all’assegno di mantenimento se non lavorano per scelta, se non dimostrano che hanno fatto quanto necessario a procurarsi un lavoro o anche solo che avrebbero avuto diritto a percepire il reddito di cittadinanza (come affermato dalla Corte di Cassazione nel 2022). 

Quale assegno di mantenimento richiedere

Con il supporto di un avvocato è possibile appurare se ci sono le condizioni per il riconoscimento di un contributo oppure se la situazione rende necessario l’assegno di mantenimento o l’assegno divorzile.

Grazie all’assistenza legale è possibile avere un chiarimento in merito a fattori determinanti nel riconoscimento dell’assegno di mantenimento e dell’assegno divorzile, come attività lavorativa ridotta, squilibrio tra redditi, modifica delle condizioni e redditi da locazione

Altre misure di sostegno al reddito familiare

Come detto, l’emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova gli italiani. Senza entrare nel merito delle scelte del Governo, è utile sapere che sono state previste delle forme di sostegno per le famiglie.

Sul sito del Ministero della Famiglia è possibile consultare i contributi previsti, leggere i consigli per risolvere le problematiche più diffuse oppure conoscere le risposte alle domande più frequenti. Informazioni utili sui contributi si trovano anche sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Nuova misura introdotta da febbraio 2022 è l’assegno unico ed universale per i figli a carico, che sostituisce i precedenti assegni familiari estendendo la platea dei percettori.

Se invece hai un altro problema in materia di diritto di famiglia, allora leggi la nostra guida oppure contattaci per una prima consulenza senza impegno.


Hai avuto un'esperienza simile? Scrivici.

Possiamo aiutarti.

Se cerchi uno studio legale esperto e affidabile che si occupi del tuo caso, contattaci per una prima consulenza senza impegno. Per agevolare le pratiche cerca di inviare tutta la documentazione necessaria.





    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Prenota un appuntamentoConsulenza gratuita


      Torna su
      Apri chat whatsapp
      Apri una chat whatsapp
      Apri una chat whatsapp