Le controversie contro gli operatori energetici e del servizio idrico

Hai ricevuto una bolletta ingiusta da parte del tuo fornitore di gas, energia o acqua?

Su questa pagina sei sul luogo giusto per capire cosa fare, per capire come affrontare le pretese di Acea, Eni, Enel o ogni altro fornitore.

Quando ricevi una bolletta, spesso il tuo operatore ti addebita delle spese che non corrispondono alla realtà, questo soprattutto per via della fatturazione in acconto, che spesso viene utilizzata per anni dai fornitori in assenza di informazioni sulle letture effettive dei contatori.

A volte i contatori vengono sostituiti in assenza di avviso o verbali di verifica. Altre volte gli operatori utilizzano dei veri e propri contratti falsi, mai firmati dai clienti, come capitato ad altri clienti del nostro Studio. In altri casi ancora le aziende inviano fatture per consumi prescritti. Spesso le aziende procedono al distacco delle utenze senza notificare il preavviso.

Frequentemente poi le aziende non corrispondono ai propri clienti gli indennizzi previsti dall’ARERA, l’autorità pubblica di settore.


In tutti questi casi, per far valere i tuoi diritti ti devi muovere come segue:

  1. presenta un reclamo all’azienda, direttamente o per il tramite di un avvocato;
  2. se l’azienda risponde in modo non soddisfacente – o non risponde – decorsi 40 giorni dall’invio del reclamo puoi presentare una domanda di conciliazione tramite il Servizio di Conciliazione dell’Autorità;
  3. se all’esito della conciliazione non hai ancora risolto il problema puoi rivolgerti al Giudice di Pace o al Tribunale competente (Abbiamo già visto che la conciliazione è un passaggio necessario prima di andare in causa contro il tuo fornitore).

Se invece il tuo fornitore ti ha fatto causa, con un decreto ingiuntivo, affrettati a rivolgerti ad un avvocato, perchè decorsi 40 giorni se non ti opponi il decreto diventerà definitivo.

Se hai problemi con il tuo fornitore di energia, gas o acqua, contatta il nostro studio per una prima consulenza senza impegno.

Rispondi