avvocato diritto tributario previdenziale roma

L’avvocato per l’accertamento fiscale – I limiti agli accertamenti ed alla riscossione tramite presunzioni

Hai una controversia con una l’Agenzia delle Entrate, Equitalia, l’INPS, l’AMA o altro soggetto che pretende da te il pagamento di tasse e contributi? Cerchi un avvocato a Roma o a Milano per la tua questione fiscale o previdenziale?

L’accertamento tramite i movimenti su conto corrente

L’agenzia delle Entrate potrebbe fondare il suo accertamento sulla base dei movimenti su conto corrente della persona, del professionista o dell’impresa.

La Cassazione nel 2020 ha affermato che sarebbe del tutto arbitrario fondare l’accertamento solo tramite i prelievi e i versamenti da conto corrente.

E quindi i prelievi bancari non sono sinonimo di reddito occulto.

Allo stesso modo i versamenti su conto corrente da parte di familiari abbienti non rappresentano necessariamente compensi non dichiarati.

L’accertamento fondato sul raffronto tra gli incassi e gli onorari minimi previsti dalle tabelle delle tariffe professionali

L’agenzia delle Entrate potrebbe fondare il suo accertamento sulla base della non congruità delle somme che il  professionista si è fatto pagare, a fronte di quelli che sono gli onorari minimi previsti per la professione (che si tratti di avvocato, ingegnere, architetto, geometra, commercialista, consulente del lavoro …).

A seguito dell’abrogazione delle tariffe con la legge Bersani ricordiamo che i “minimi” non esistono più, ma restano le tabelle ministeriali.

Dunque il professionista può applicare tariffe più basse, e l’accertamento fondato solo su un simile calcolo sarebbe illegittimo.

L’accertamento fondato sulla indeducibilità dei compensi erogati al coniuge

L’agenzia delle Entrate potrebbe fondare l’accertamento sul fatto che i compensi pagati al coniuge non sono deducibili.

Ebbene il divieto di dedurre i compensi erogati a moglie o marito vale solo per i lavoratori dipendenti, titolari di co.co.co. o per le collaborazioni occasionali.

Se invece i compensi sono erogati al coniuge esercente arti o professioni le somme sono deducibili.

L’accertamento fondato sulla fama e sulla notorietà del professionista o dell’artista

L’agenzia delle Entrate potrebbe fondare l’accertamento sulla fama e sulla notorietà del professionista o dell’artista.

Tuttavia, la fama o la notorietà del professionista o dell’artista, non configura argomento “grave preciso e concordante” utile a giustificare l’accertamento di un maggio reddito in assenza di altri elementi probatori.

In questo senso la Corte di Cassazione nel 2019 con riferimento al caso di un noto maestro d’orchestra.

Ricevuto una verifica fiscale presso la tua sede per l’anno 2014?

Il 31 ottobre 2019 è scaduto il termine per la consegna di verbali di constatazione relativi a verifiche presso il contribuente per il periodo di imposta 2014.

In caso di notifica in data successiva al 1° novembre 2019 non sarebbe garantito il tuo diritto al termine di 60 giorni previsto per il contraddittorio preventivo prima dell’emissione di avvisi di accertamento, con la conseguente nullità degli atti impositivi emessi.

L’Agenzia delle Entrate potrebbe notificare il verbale di contestazione dopo tale data solo in caso di motivi d’urgenza (che devono essere motivi non imputabili all’ente).

Significa che non è motivo d’urgenza l’imminenza del termine di decadenza del 31/12/19.

Se hai ricevuto un verbale di verifica fiscale dopo il 31/10/19 per l’anno 2014, potrai eccepire la nullità dell’avviso di accertamento per l’anno 2014 per mancanza di contraddittorio preventivo.

Attenzione invece ai termini per le cartelle esattoriali 2020-2021: queste scontano la proroga legata all’emergenza Corona Virus, e quindi il calcolo dei termini è un pò più complesso e richiede l’aiuto di un avvocato che si occupi di diritto tributario.

Qualora invece tu abbia ricevuto un altro atto, come cartelle esattoriali, pignoramenti, preavvisi di fermo da parte dell’Agenzia Entrate Riscossione, allora leggi questo nostro post.

Se hai ricevuto un accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate puoi contattarci per una prima consulenza senza impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp