avvocato diritto tributario previdenziale roma

La prescrizione dei crediti fiscali e previdenziali

La prescrizione dei crediti fiscali e previdenziali: quando potresti avere bisogno di un avvocato che si occupi di diritto tributario o previdenziale a Roma o a Milano.

Se anche tu hai ricevuto un accertamento, una cartella o un altro atto da parte dell’Agenzia delle Entrate, da parte dell’Agenzia Riscossione (ex Equitalia) o da parte dell’Inps, sei sulla pagina giusta per capire come ti devi comportare, o altrimenti leggi la nostra guida al cittadino.

Entro che termine possono essere impugnati gli atti dell’Agenzia Entrate Riscossione?

Questi atti possono essere impugnati, a seconda dei casi, in 20, 40 o 60 giorni dalla loro notifica, quindi affrettati a trovare un professionista che ti possa assistere. Decorso il termine per l’impugnazione l’atto diventa definitivo e non più impugnabile.

In quanto tempo si prescrivono i crediti fiscali e previdenziali?

Uno dei più frequenti motivi di contestazione delle pretese del fisco è rappresentata dalla prescrizione (v. sito inps).

Difatti i crediti dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, si prescrivono secondo diversi termini a seconda del tributo o del contributo di cui si discute:

  • i crediti INPS relativi alla previdenza e all’assistenza: si prescrivono in 5 anni;
  • crediti IRPEF, si discute se si prescrivano in 5 o 10 anni;
  • le cartelleper ICI e IMU si prescrivono in 5 anni;
  • i crediti per BOLLO AUTO si prescrivono in 3 anni;
  •  i debiti per TARI (in precedenza detta Tarsu, Tia e Tares) si prescrivono in 5 anni.

Le cartelle esattoriali in arrivo nel 2021 dopo la sospensione corona virus

Nel 2020 non si sono notificate cartelle esattoriali a seguito delle leggi che hanno previsto la sospensione dell’attività di riscossione.

L’agenzia delle Entrate nel 2021 dovrà iniziare a notificare queste cartelle ai contribuenti.

La sospensione dell’attività di riscossione ha comportato che tutti i termini in corso nel 2020 sono stati sospesi e quindi per calcolare se è decorso il termine di prescrizione dovrà tenersi a mente questa proroga.

La differenza tra prescrizione e decadenza dell’Agenzia delle Entrate dall’attività di riscossioni

La prescrizione è cosa diversa dalla decadenza del fisco dal proprio potere di accertare maggiori suoi crediti.

La legge prevede dei termini entro i quali l’Agenzia Entrate deve porre in essere le sue attività di riscossione, pena la decadenza.

L’accertamento ad esempio va posto in essere nel termine di 5 anni pena decadenza.

E quindi ad esempio in tema di tributi locali, tra l’accertamento e la notifica della cartella esattoriale devono passare non più di 3 anni.

Se hai ricevuto un atto da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, o hai scoperto l’esistenza di un fermo amministrativo o di un’ipoteca sul tuo immobile, puoi contattare il nostro studio per una prima consulenza senza impegno. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp