La difesa del lavoratore “in nero”

Sei ha collaborato in modo irregolare con qualcuno, hai diritto ad ottenere un risarcimento commisurato a tutto quanto ti è stato negato rispetto ad un lavoratore regolarmente assunto.


Sei ha collaborato in modo irregolare con qualcuno, hai diritto ad ottenere un risarcimento commisurato a tutto quanto ti è stato negato rispetto ad un lavoratore regolarmente assunto.

Tra le varie, si ricorda che il lavoratore in nero ha diritto a:

  1. differenze retributive, prendendo a riferimento il contratto collettivo di categoria (es. lavoratori domestici, edilizia, commercio, hotel, ristoranti e altri settori regolamentati);
  2. ricostituzione della posizione previdenziale, anche presso l’INPS;
  3. ferie non godute;
  4. tredicesima,
  5. eventuale quattordicesima;
  6. straordinari diurni e/o notturni;
  7. lavoro festivo;
  8. Trattamento di fine rapporto.

Cosa fare per ottenere il riconoscimento dei propri diritti.

Il primo passo per ottenere il riconoscimento dei propri diritti è rappresentato dal recarsi presso un avvocato con competenza in materia.

L’avvocato indicherà innanzi tutto i termini entro i quali azionare i propri diritti, consapevole delle decadenze e prescrizioni nelle quali si incorre in caso di inazione.

Una volta consapevoli dei termini per agire, l’avvocato suggerirà lo svolgimento di un conteggio a cura di un commercialista o consulente del lavoro, diretto ad identificare con precisione quelle che sono le somme dovute dal datore di lavoro al lavoratore.

Si invierà una diffida e messa in mora tramite lettera raccomandata o pec, e successivamente, in caso di mancato accordo con il datore di lavoro si avvierà una causa dinnanzi al Tribunale civile in funzione di Giudice del Lavoro.

Nel caso in cui il reddito familiare sia al di sotto di determinate soglie previste dalla legge è possibile utilizzare il gratuito patrocinio o ottenere solo l’esenzione dal pagamento delle spese di giustizia.

Se hai un problema di diritto del lavoro contatta il nostro studio per un primo consulto gratuito

Rispondi

Prenota un appuntamentoConsulenza gratuita


× Apri una chat WhatsApp
Torna su