La difesa contro le cartelle esattoriali e le intimazioni di pagamento – difetto di ius postulandi da parte del difensore dell’Agenzia

Hai ricevuto una cartella esattoriale o una intimazione di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione?

Hai bisogno di un avvocato o di un commercialista a Roma (o nella tua città) per difenderti.

Uno dei recenti motivi per difendersi dalle pretese dell’Agenzia delle Entrate è rappresentato dall’eccepire che l’avvocato incaricato dall’Agenzia è privo di potere a difendere il Fisco.

Difatti secondo da ultimo Cass. 9 novembre 2018, n. 28684la decisione di avvalersi di avvocati del libero foro per la difesa in giudizio per essere valida presuppone, in linea generale: a) che si sia in presenza di un “caso speciale”; b) che intervenga una preventiva, apposita e motivata delibera dell’organo deliberante; c) che tale delibera sia sottoposta agli organi di vigilanza (per casi analoghi, v: Cass. civ., sez. un., 20-10-2017, n. 24876; Cass. 9 maggio 2011, n. 10103; Cass. 23 marzo 2011, n. 6672; Cass. 13 maggio 2016, n. 9880); d) che sia prodotta in giudizio idonea documentazione in merito alla sussistenza dei due suddetti elementi (vedi: Cass. 14 ottobre 2011, n. 21296; Cass. 10 giugno 2010, n. 13968; Cass. 17 maggio 2007, n. 11516; Cass. 2 maggio 2007, n. 10099; Cass. SU 16 giugno 2005, n. 12868)”.

Occorre quindi verificare caso per caso se il difensore dell’AER sia munito dei poteri di cui sopra.

Se hai bisogno di un consulto in materia contattaci senza impegno.

Rispondi