Il dovere di affissione del codice disciplinare nel luogo di lavoro

Hai ricevuto una contestazione disciplinare da parte del tuo datore di lavoro ma non sapevi che la tua condotta era meritevole di sanzione?

Se anche tu hai ricevuto una contestazione disciplinare ricorda che hai 5 giorni di tempo per presentare le tue difese al tuo datore di lavoro e chiedere di essere ascoltato.

Ricorda che il tuo datore di lavoro aveva l’obbligo di mettere a disposizione il Codice Disciplinare e così darti la possibilità di essere informato sulle condotte vietate o meritevoli di sanzione, con l’indicazione della sanzione connessa alla singola violazione.

Attenzione ad alcune problematiche per le quali l’obbligo di affissione del Codice o l’obbligo di specifica indicazione delle condotte vietate viene meno.

E difatti con le recenti sentenze indicate a seguire, la Corte di Cassazione ha affermato che per alcune condotte la mancata affissione del Codice non è motivo di nullità della sanzione (ad esempio quando il fatto costituisce reato, o la condotta sia contraria al cd. “minimo etico”, ovvero ciò che sia immediatamente percepibile come ingiusto, o sia una violazione chiara dei doveri di un dipendente).

Cass. civ. Sez. lavoro, 09/01/2018, n. 279:In tema di rapporto di lavoro subordinato, il principio secondo il quale, in tutti i casi in cui il comportamento sanzionatorio sia immediatamente percepibile dal lavoratore come illecito, perché contrario al c.d. minimo etico o a norme di rilevanza penale, non è necessario provvedere all’affissione del codice disciplinare, è estensibile ai casi di sanzioni conservative, atteso che in tali ipotesi il lavoratore ben può rendersi conto, anche al di là di una analitica predeterminazione dei comportamenti vietati e delle relative sanzioni da parte del codice disciplinare, della illiceità e gravità della propria condotta, anche qualora ne derivi l’irrogazione di un sanzione conservativa“.

Cass. civ. Sez. VI – Lavoro Ord., 09/04/2018, n. 8703:La garanzia di pubblicità del codice disciplinare mediante affissione in luogo accessibile a tutti i dipendenti, non trova applicazione nell’ipotesi in cui il licenziamento faccia riferimento a situazioni concretanti violazione dei doveri fondamentali connessi al rapporto di lavoro. (Nel caso concreto configurandosi una condotta connotata di maggiore gravità rispetto al semplice uso scorretto della carta sconto aziendale, non assume rilievo la mancanza di espressa previsione sanzionatoria nel regolamento aziendale affisso nel luogo di lavoro.)”

Se hai ricevuto una contestazione disciplinare, vuoi impugnare una sanzione disciplinare e cerchi un avvocato a Roma, contattaci per una prima consulenza senza impegno.

Rispondi

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Powered by