compenso ctu

Il compenso del CTU

Sei stato nominato CTU e cerchi uno studio legale di cassazionisti a Roma per il recupero del credito derivante dal decreto di liquidazione?

Chi è il CTU?

Il CTU o consulente tecnico d’ufficio è il professionista nominato dal Tribunale o da un’altra autorità giudiziaria allo scopo di assistere il Giudice nella soluzione di problemi tecnici.

E difatti il giudice conosce il diritto (iura novi curia) mentre non ha la formazione tecnica necessaria per capire se – ad esempio – il cemento armato è stato posto a regola d’arte in una causa di edilizia, oppure se il richiedente una prestazione di invalidità ha diritto e se si in che misura.

In tali casi il CTU viene nominato dal Giudice tra una lista di nomi presenti in Tribunale ed è da quel momento soggetto di fiducia del Giudice oltre che pubblico ufficiale (o incaricato di pubblico servizio) nell’espletamento dell’incarico.

Il decreto di liquidazione dei compensi del CTU

Il decreto di liquidazione dei compensi del CTU è il provvedimento del Tribunale che dispone il diritto del consulente al pagamento dei suoi compensi.

Il provvedimento diventa titolo esecutivo tra le parti ed il CTU decorsi 20 giorni dalla sua emissione in caso di mancata opposizione.

A seguito della riforma cartabia non è più necessario il rilascio della formula esecutiva sul provvedimento, bensì sarà sufficiente l’attestazione di conformità dello stesso ex articolo 196 octies delle disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile.

Come si calcola il compenso del CTU?

Il compenso del CTU si calcola in base a quelle che sono delle regole generali e delle regole particolari per le singole professioni svolte dai CTU stessi.

Molti professionisti hanno infatti delle tabelle, approvate dal Ministero che permettono di individare tra valori minimi e massimi quali siano le somme giuste in funzione di:

  1. valore dell’incarico;
  2. complessità della pratica;
  3. necessità di trasferte;
  4. altre varie.

In alcuni casi le CTU hanno una sorta di prezzo fisso, come ad esempio per le CTU dei medici legali incaricati dal Tribunale di Roma, che per le pratiche di invalidità si vedono liquidare un compenso di € 290 oltre oneri di legge (come IVA e previdenza) salvi casi particolari.

L’azione contro il condannato al pagamento

Il provvedimento di liquidazione del CTU statuirà se le spese devono restare a carico di una parte o dell’altra.

E difatti se al momento dell’acconto questo viene spesso posto a carico di entrambe le parti, nella maggior parte dei casi a chiusura della CTU o al momento della sentenza, il decreto pone le spese di CTU a carico di una parte oppure compensa le spese con la conseguenza che la CTU andrà ripartita al 50%.

Una volta ottenuto il provvedimento di liquidazione il CTU potrà agire tanto contro il condannato quando, in caso di difficoltà nel recupero, contro l’altra parte (pure se questa ha vinto la causa).

La CTU in caso di gratuito patrocinio

In caso di ammissione della parte al gratuito patrocinio, questa non sarà tenuta al pagamento del CTU.

Le spese di CTU restano in tal caso a carico dello Stato, in tutto o in parte.

Il compenso del CTU viene ridotto in tali casi dal Giudice al momento della liquidazione.

Il diritto del CTU al pagamento da entrambe le parti

Le parti sono tenute in solido al pagamento dei compensi in favore del CTU, e quindi entrambe rispondono.

A nulla vale considerare che magari nel decreto di liquidazione, oppure nella sentenza, tali spese sono poste a carico di una parte o dell’altra.

In caso di spese di CTU poste a carico della parte insolvente o nullatenente, quindi il CTU avrà sempre diritto ad ottenere il pagamento dall’altra parte, anche se questa ha vinto la causa.

Come recuperare i crediti dei CTU?

Per recuperare i propri crediti il CTU deve nell’ordine:

  1. richiedere il pagamento alla parte indicata nel decreto di liquidazione;
  2. in caso di esito negativo chiedere il pagamento alla controparte;
  3. ancora, se nessuno vuole pagare, va ottenuta una copia del decreto di liquidazione utile ai fini dell’esecuzione;
  4. va notificato il titolo esecutivo, come modificato nel 2023;
  5. va notificato l’atto di precetto;
  6. infine va promossa una delle varie azioni esecutive possibili in relazione all’importo dovuto ed al patrimonio del debitore.

E’ chiaramente imprescindibile rivolgersi ad un avvocato dal momento della notifica del titolo esecutivo in poi.

Il recupero del credito contro l’INPS

Il recupero del credito dei CTU contro l’INPS o contro le altre pubbliche amministrazioni impone qualche attenzione in più.

E difatti spesso le pubbliche amministrazioni, vuoi per difficoltà economiche vuoi per sciatteria non provvedono ai pagamenti dovuti costringendo i CTU ad azioni di recupero.

In tali casi è necessario apporre la dichiarazione di esecutività sui decreti di liquidazione (che dal 2023 non si chiama più formula esecutiva) e sarà poi necessario notificare l’atto all’INPS o all’altra Pubblica Amministrazione.

Decorsi 120 giorni dalla notifica, in caso di mancato pagamento, sarà possibile procedere al pignoramento.

Quello di 120 gg è un termine dilatorio che va rispettato a pena di nullità del precetto, anche tenendo conto degli ulteriori 30 giorni della sospensione feriale.

Se come CTU cerchi degli avvocati cassazionisti a Roma per il recupero del credito derivante dal decreto di liquidazione, contattaci inviando la documentazione del tuo caso, ti faremo sapere se ti possiamo aiutare e come.


Hai vissuto un'esperienza simile? Scrivici.

Possiamo aiutarti.

Il nostro studio legale di avvocati cassazionisti è pronto ad aiutarti in ogni passo del tuo caso. Non esitare a contattarci per una consulenza iniziale. Per rendere il processo più rapido ed efficiente, ti invitiamo a inviarci tutta la documentazione necessaria.





    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Torna in alto
    Apri chat whatsapp
    Apri una chat whatsapp
    Apri una chat whatsapp