Sull’ammissibilità del contratto preliminare di preliminare

A lungo la giurisprudenza ha ritenuto invalido per difetto di causa il contratto preliminare di preliminare, ovvero quel contratto con cui le parti si obbligano ad stipulare un futuro contratto di compravendita. Tale orientamente viene però superato dalla recente pronuncia delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza 4628/2015. Assecondando il comune interesse …

Sull’ammissibilità del contratto preliminare di preliminare Leggi tutto »

Obbligo di mantenimento – Protocollo spese straordinarie del Tribunale di Roma

Seguendo quella che è divenuta una prassi consolidata in molti Tribunali d’Italia, in data 17 dicembre 2014 il Tribunale di Roma, d’intesa con i rappresentanti dell’Ordine degli avvocati ha emanato il Protocollo d’intesa per le spese straordinarie che si affiancano all’obbligo di mantenimento. Con il Protocollo viene definito in modo chiaro ciò che è da considerarsi …

Obbligo di mantenimento – Protocollo spese straordinarie del Tribunale di Roma Leggi tutto »

Le centrali rischi pubbliche e private – rimozione della segnalazione

Nel nostro ordinamento sono previste diverse banche dati pubbliche e private che registrano le informazioni sui finanziamenti a privati ed imprese: queste banche dati non contengono solo i nominativi dei “cattivi pagatori” bensì quelli di tutti i soggetti finanziati. Queste banche dati sono oggetto di attenzione da parte delle banche quando vi è una richiesta …

Le centrali rischi pubbliche e private – rimozione della segnalazione Leggi tutto »

Il contratto plurilaterale con il quale, in materia di comunione ereditaria, si determina lo scioglimento uniltaterale della quota di uno dei coeredi non configura accordo di divisione e  non necessita, pertanto, della partecipazione di tutti i contitolari.  

              La questione principale affrontata da Cass. 9-10-2013, n. 22977, verte sulla validità o meno di un accordo di scioglimento unilaterale, vale a dire nei confronti di un singolo erede, della comunione ereditaria concluso, tuttavia, senza la partecipazione di tutti gli altri coeredi. Com’è noto lo stato di comunione …

Il contratto plurilaterale con il quale, in materia di comunione ereditaria, si determina lo scioglimento uniltaterale della quota di uno dei coeredi non configura accordo di divisione e  non necessita, pertanto, della partecipazione di tutti i contitolari.   Leggi tutto »

Torna su