AVVOCATO TRADING ONLINE

Le liti con Intesa Sanpaolo per le operazioni baciate derivanti dalla Banca Popolare di Vicenza

Le liti con Intesa Sanpaolo per le operazioni baciate derivanti dalla Banca Popolare di Vicenza: quando potresti avere bisogno di un avvocato che si occupi di diritto bancario a Roma o Milano.

Hai acquistato azioni di Banca Popolare di Vicenza o Veneto Banca accendendo un finanziamento e adesso ti trovi a pagare il debito residuo nei confronti di Intesa Sanpaolo? Forse potresti avere bisogno di un avvocato che si occupi di diritto bancario e finanziario.

Se non trovi qui la tua risposta, leggi la nostra guida al link.

Cosa succede se hai acquistato azioni della Banca Popolare di Vicenza o di Veneto Banca

Possiamo dire di essere stati tra i primissimi ad occuparci della problematica degli azionisti della banca popolare di Vicenza.

Con una la pronuncia del 2016, ottenuta dall’Avv. Marcello Padovani, l’Ombudsman bancario finanziario (predecessore dell’A.C.F.) ha condannato la Banca Popolare di Vicenza a risarcire € 6.000,00 ad un proprio cliente, divenuto azionista nelle operazioni di aumento di capitale del 2014.

La Banca, infatti, non ha fornito all’utente tutte le informazioni necessarie nella fase precontrattuale:

  1. in particolare non è stato sottolineato il rischio di liquidità connesso alla natura dei titoli (azioni non quotate);
  2. non vi è stata corretta profilatura del cliente.

L’omessa informativa ha determinato la violazione dell’art. 21 del Testo unico della Finanza, e di conseguenza il danno è stato quantificato equitativamente in € 6.000,00, a fronte di un valore iniziale delle azioni pari ad € 6.250,00 (pari al pacchetto minimo di 100 azioni).

Di seguito il provvedimento del 20/10/16 dell’Ombudsman bancario.

La questione – per il carattere di novità e per l’interesse di decine di migliaia di risparmiatori – ha ottenuto discreta attenzione mediatica, e a seguire si richiama un video di intervista ad un azionista ed all’avv. Marcello Padovani con riferimento a tale questione.

Ormai tuttavia le possibilità di agire contro Popolare di Vicenza e Veneto Banca sono esaurite.

E difattiper la liquidazione coatta amministrativa dei due istituti, e per l’esclusione da responsabilità di ISP Intesa San Paolo prevista per via legislativa.

Cosa fare in caso di operazioni baciate di acquisto di azioni a fronte della concessione di un finanziamento da parte della Banca

Le controversie contro la Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca in alcuni casi possono continuare contro la banca Incorporante ISP – Intesa Sanpaolo.

Per Tribunale di Venezia, il “complesso negoziale” composto dall’acquisto dei titoli e dalla concessione dei finanziamenti è null0 per frode alla legge.

Questi difatti hanno rappresentato lo strumento attraverso il quale l’istituto di credito intendeva eludere il divieto di assistenza finanziaria stabilito dall’art. 2358 c.c.

Norma che vieta alle S.p.a. di concedere finanziamenti per l’acquisto delle proprie azioni.

Norma che e’ stata ritenuta applicabile anche alle societa’ cooperative, quale era all’epoca Bpvi), allo scopo di aumentare fittiziamente il capitale sociale.

Le decisioni dell’ACF Arbitro Controversie Finanziarie della Consob sulle operazioni baciate

Si ricorda che Banca Intesa al momento dell’acquisto a prezzo simbolico di BPVI e Veneto Banca, ha richiesto una norma di legge a protezione dai contenziosi.

Tale norma non è stata ritenuta tuttavia idonea ad escludere alcune responsabilità di ISP quale banca incorporante.

E difatti, per le operazioni baciate si registrano decisioni dell’ACF che affermano la responsabilità di Banca Intesa per le operazioni baciate e l’obbligo di risarcire il risparmiatore.

Con riferimento ad alcune di queste decisioni tuttavia Banca Intesa risulta inadempiente rispetto al decisum dell’ACF.

Il principio affermato dalla Sezione Specializzata in materia d’Impresa del Tribunale di Venezia

  1. sia per quanto riguarda nuovi finanziamenti;
  2. sia in ipotesi di successive estensioni di un affidamento precedentemente accordato.

Il cliente della banca si e’ percio’ visto annullare la parte “baciata” del suo debito, ottenendo cosi’ una sostanziale riduzione della sua esposizione debitoria, ormai dovuta nei confronti di Banca Intesa a seguito dell’incorporazione delle due banche venete.

Se invece hai un altro problema di diritto bancario e cerchi un avvocato che si occupi della materia a Roma o Milano leggi la nostra guida al link.

1 commento su “Le liti con Intesa Sanpaolo per le operazioni baciate derivanti dalla Banca Popolare di Vicenza”

  1. massimo casagrande

    anchio ho sottoscritto le azioni nello stesso periodo ,nella filiale di col san martino treviso con l illusione che erano azioni non quotate e quindi una fonte di risparmio , sottoscrivendo un mutuo che tutt ora sto pagando. dove devo controllare se riesco a entrare nella casistica sopra indicata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp