UBI deve risarcire gli azionisti di Banca Marche, Etruria e CariChieti

UBI deve risarcire gli azionisti di Banca Marche, Etruria e CariChieti, i quali hanno investito sulle vecchie banche sulla base di prospetti informativi falsi resi in sede di aumento di capitale.

E’ nota la vicenda degli azionisti della Quattro Banche oggetto di risoluzione nel 2015: gli azionisti hanno perso completamente il loro investimento e non hanno beneficiato degli indennizzi proposti dal governo per gli obbligazionisti. Una disparità di trattamento ingiusta, vista la similitudine dei danni subiti e la parallela scorrettezza del comportamento delle banche.

Oggi emerge una nuova possibilità per gli investitori sui titoli azionari di Banca Marche, Etruria e Carichieti: è possibile domandare il risarcimento del danno ad UBI, l’acquirente dei predetti istituti di credito.

Secondo ripetute decisioni dell’Arbitro Controversie Finanziarie della Consob (248 e 308 del 2018, oltre numerose altre), infatti: “la previsione contenuta nell’art. 47, comma 7, del d. lgs. n. 180/2015, richiamata poi nel provvedimento della Banca d’Italia del 22 novembre 2015, si riferisca propriamente all’ esercizio di diritti  patrimoniali e/o amministrativi incorporati nelle azioni e da queste discendenti – i quali, sì, sono stati intaccati, ove non definitivamente azzerati, per effetto dell’intervenuta procedura di risoluzione – ma che non si possano ritenere inglobate in essa anche pretese (risarcitorie o altro) relative a rapporti contrattuali tra cliente ed intermediario per la  prestazione di servizi d’investimento (anche ove aventi ad oggetto azioni emesse dallo stesso intermediario) ; rapporti che  in quanto tali, risultano unitariamente trasferiti dalla Vecchia alla Nuova Banca e ciò proprio coerentemente con l’esigenza di preservare la continuità operativa dell’azienda bancaria“.

Occorre subito affermare che alla data della redazione di questo articolo (17/8/2018), UBI sta disattendendo le decisioni dell’Arbitro, costringendo i clienti che vogliano ottenere il giusto risarcimento per il danno subito, a rivolgersi al Tribunale per l’accertamento dei propri diritti. Diversi Tribunali hanno già confermato le ragioni dei consumatori (tra i vari il Tribunale di Milano e di Ferrara).

Se hai investito in azioni di Banca Marche, Etruria e Carichieti contattaci per una consulenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *