avvocato diritto famiglia roma

Avvocato di famiglia: l’adozione del figlio da parte del nuovo coniuge dell’ex moglie/marito

Vuoi ottenere la modifica delle condizioni di separazione o divorzio?

Come cambiano gli obblighi di mantenimento al variare delle condizioni economiche o personali degli ex coniugi?

Se cerchi uno studio legale a Roma che si occupi di separazioni o divorzi, leggi la nostra guida, e se ti interessa continua a leggere questo articolo.

Quando possono cambiare le condizioni di mantenimento a seguito di separazione o divorzio?

Le condizioni si separazione o divorzio sono sempre suscettibili di essere modificate al ricorrere di un presupposto.

Questo presupposto è il modificarsi della situazione di fatto per motivi sopravvenuti.

Significa che i motivi che potevano essere portati all’attenzione del Tribunale al momento della separazione o del divorzio e:

  1. non sono stati oggetto delle difese delle parti in corso di causa;
  2. non sono state oggetti di prova in corso di causa;
  3. pure portati in causa all’attenzione del Giudice, non sono stati valutati determinanti ai fini del decidere;

Non possono formare oggetto di richiesta di modificazione delle condizioni di mantenimento.

Se invece, dopo la causa di separazione o di divorzio, o ancora di regolamentazione dei rapporti per i minori nati fuori dal matrimonio, le cose sono cambiate, allora si può ragionare sulla possibilità di una modifica.

Un fatto sopravvenuto possono essere i mutamenti dei redditi delle parti, come ad esempio dopo l’emergenza Covid19, come spieghiamo qui.

Ma cosa succede in caso di adozione del figlio da parte del nuovo marito della ex moglie (o viceversa)?

Sul tema si è di recente pronunciata Cass. civ. Sez. I, 27/03/2020, n. 7555 secondo cui:

In tema di revisione delle condizioni economiche del divorzio riguardanti l’obbligo di mantenimento di figli maggiorenni, non autosufficienti, degli ex coniugi, la sopravvenuta adozione di quei figli effettuata dal nuovo marito della madre, da cui derivi il loro stabile inserimento nel contesto familiare creatosi per effetto del nuovo matrimonio contratto da quest’ultima, costituisce circostanza fattuale da valutarsi, ai fini della modificazione o meno della sola entità di tale mantenimento, dal giudice adito ai sensi dell’art. 9 della L. 1 dicembre 1970 n. 898.

Ciò ove risulti che l’adottante, benché privo del corrispondente obbligo giuridico, comunque provveda continuativamente, e non solo occasionalmente, anche alle esigenze e necessità quotidiane degli adottati“.

Se pertanto cerchi un avvocato che si occupi di diritto di famiglia, contattaci per una prima consulenza telefonica senza impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Apri chat whatsapp
Apri una chat whatsapp
Apri una chat whatsapp