avvocato per diritto del lavoro a roma

Contributi INPS figurativi e virtuali

Hai un problema previdenziale contro l’INPS o contro la tua Cassa di previdenza privata?

Se hai lavorato in regime di part time ciclico e vuoi aumentare gli anni di contribuzione, leggi qui.

Se l’INPS o l’Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia) ti ha notificato un atto che contiene delle pretese, come un avviso di addebito o una cartella esattoriale, leggi qui, il tuo debito potrebbe essere prescritto o potrebbe contenere altri vizi .

Cosa sono i contributi figurativi INPS?

I contributi figurativi sono quei contributi che sono accreditati senza costi per il lavoratore, nei periodi durante i quali:

  • non ha lavorato né come dipendente né come autonomo;
  • ha percepito un’indennità a carico dell’Inps;
  • ha ricevuto una retribuzione in misura ridotta.

A volte questi contributi figurativi sono accreditati d’ufficio da parte dell’INPS (come nel caso della cassa integrazione straordinaria) in altri casi sono accreditati su domanda.

I contributi virtuali per il part-time nell’edilizia

Oggetto di liti, con accertamenti e avvisi di addebito a carico degli imprenditori nell’edilizia sono i contributi virtuali dovuti per il lavoro part-time.

L’INPS afferma che l’art. 29 del d.l. 244/1995, convertito in Legge 341/1995 e del d.lgs 61/2000 si applicherebbero insieme all’art. 78 del CCNL Edilizia.

Le norme sopra richiamate NON affermano che vi è un limite del 30% al lavoro part-time, in quanto tale limite vi sarebbe sono nel CCNL edilizia, ed in particolare nell’art. 78.

Ma l’applicazione di un onere contributivo (oltre che delle relative sanzioni conseguenti alla sua violazione) non può discendere da un provvedimento che non ha forza di legge (come in questo caso addirittura il CCNL).

Ciò anche alla luce dello Statuto del contribuente L. 212/2000.

Vale la pena segnalare che la Corte di Cassazione ha affermato che i contributi virtuali si applicano come se tutti i lavoratori siano assunti a tempo pieno, e non in part-time.

Come vanno calcolati i contributi i caso di attività politica o sindacali?

Se invece sei stato chiamato a svolgere attività politiche o sindacali ci possono essere dubbi su come debbano essere calcolati i tuoi contributi (figurativi).

Si segnala una recente sentenza della Corte di Cassazione, ovvero Cass. civ. Sez. lavoro, 06/04/2020, n. 7698 secondo cui:

In relazione ai lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive od a ricoprire cariche sindacali provinciali e nazionali, durante l’aspettativa, le retribuzioni da accreditare figurativamente sono commisurate a quelle della categoria e della qualifica professionale posseduta dal lavoratore all’atto del collocamento in aspettativa.

Le stesse vanno adeguate in relazione alla dinamica salariale e di carriera della stessa categoria e qualifica, quale prevista dai contratti collettivi di lavoro.

Gli emolumenti e gli incrementi retributivi da accreditare inoltre sono unicamente quelli collegati dalla suddetta contrattazione collettiva alla qualifica e alla maturazione dell’anzianità di servizio.

Restano, pertanto, esclusi eventuali istituti retributivi non previsti dal contratto collettivo di lavoro, così come anche gli istituti retributivi collegati all’effettiva prestazione dell’attività lavorativa“.

Se cerchi uno Studio Legale a Roma che si occupi di previdenza e di INPS, cerca le informazioni del caso nella nostra guida e se vuoi puoi contattarci per una prima consulenza senza impegno.


Hai avuto un'esperienza simile? Scrivici.

Possiamo aiutarti.

Se cerchi uno studio legale esperto e affidabile che si occupi del tuo caso, contattaci per una prima consulenza senza impegno. Per agevolare le pratiche cerca di inviare tutta la documentazione necessaria.





    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Prenota un appuntamentoConsulenza gratuita


      Torna su
      Apri chat whatsapp
      Apri una chat whatsapp
      Apri una chat whatsapp